Assocarni

Comunicati ed eventi

Sfondo inizio fine
venerdì 24 novembre 2017
Testata
Rss
Home » Comunicati ed eventi » lettura Comunicati ed eventi
About us

Cerca

Footer menu notizie
CARNI SOSTENIBILI
CONVEGNO BEEF QUALITY TRA PERCEZIONE E REALTA'
VADEMECUM ETICHETTATURA
La carne bovina nella gastronomia italiana
Software utility

Per usufruire dei contenuti del sito scarica:

Acrobat Winzip Winrar

Footer menu notizie
Area Riservata
recupera password
Comunicati ed eventi
dom 25 ago, 2013
E' arrivata la polpetta artificiale
fonte; E-coop

Un esperimento scientifico costato 250 mila euro, realizzato presso l'Università di Maastricht, in Olanda, ha portato alla produzione del primo hamburger di “carne artificiale” della storia. Nata dal prelievo di un piccolo numero di cellule staminali dai muscoli di un bovino e fatte riprodurre in laboratorio, la polpetta del futuro è stata descritta da chi la ha assaggiata come “simile alla carne, ma poco saporita”.

Se da una parte questa vicenda solleva l’annoso e controverso tema dell’utilizzo delle cellule staminali, argomento che evitiamo volentieri di affrontare in questa sede, dall’altra fa riflettere una volta di più sulla sostenibilità della produzione e del consumo di carne. Che, quando ottenuta da allevamenti intensivi, rappresenta una delle principali fonti di inquinamento del nostro pianeta.

La polpetta artificiale, del resto, è l’ennesimo tentativo di risposta alla crescita esponenziale della richiesta globale di proteine animali. Secondo uno studio Fao, infatti, il consumo di carne nel mondo passerà dai 228 milioni di tonnellate dei primi anni 2000 ai 465 milioni nel 2050. L’hamburger di staminali, di conseguenza, servirebbe a nutrire altri 2 miliardi di individui senza allevare milioni di animali in più, riducendo del 50% le emissioni di CO2.

Viene quindi da chiedersi una cosa: prima di pensare che il futuro sia consumare una costosissima polpetta anemica, senza sapore e solamente “simile” a quelle vere, non varrebbe la pena consumare carne in modo equilibrato, oltre che proveniente da allevamenti che rispettino il benessere degli animali e, magari, da filiere produttive che redistribuiscano il valore generato a chi opera lungo le filiere?
A voi la risposta.

25 agosto 2013
Fonte: e-coop

Footer centrale

© Copyright - Tutti i diritti riservati - Privacy | Disclaimer | Assocarni - Piazza di Spagna, 35 - 00187 ROMA - Codice Fiscale: 01353200924
Sito fruibile da utenti non vedenti

Testi, dati ed informazioni pubblicati sul sito Assocarni sono controllati con la massima attenzione. Nessuna responsabilità può essere imputata a Assocarni per i danni che dovessero derivare ai visitatori a causa di eventuali errori ed omissioni. L'Assocarni inoltre declina ogni responsabilità per eventuali danni derivanti dal malfunzionamento del sito per cause tecniche. Il contenuto del presente sito, comprensivo di tutte le informazioni, i dati, i documenti, le banche dati, nonché la parte grafica è da intendersi protetto da copyright se non diversamente indicato. Tutto il materiale presente nel sito non potrà essere adoperato da terzi senza esplicita autorizzazione scritta da richiedere a Assocarni. Le opinioni e le interpretazioni espresse nei documenti elaborati da Assocarni sono il frutto di studi condotti dall'Associazione, aggiornati al momento della loro data, e non esonerano gli utenti dal valutare, alla luce degli elementi che connotano le concrete situazioni e delle possibili difformi interpretazioni ufficiali o pronunce giurisprudenziali, se e come utilizzarle e applicarle. L'Assocarni declina ogni responsabilità rispetto ad un utilizzo improprio del materiale contenuto nel sito. Il sito contiene collegamenti ad altri siti che non sono sotto il controllo di Assocarni. L'Associazione non si assume alcuna responsabilità per il contenuto dei siti collegati, per l'eventuale cessazione o modifica delle attività dei siti, segnalati solo a scopo indicativo, nonché per qualsiasi controversia direttamente o indirettamente collegata ai contenuti dei siti e per i danni che ne possano derivare.
- Inizio della pagina -
Il progetto Assocarni è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it