Assocarni

Comunicati ed eventi

Sfondo inizio fine
venerdì 24 novembre 2017
Testata
Rss
Home » Comunicati ed eventi » lettura Comunicati ed eventi
About us

Cerca

Footer menu notizie
CARNI SOSTENIBILI
CONVEGNO BEEF QUALITY TRA PERCEZIONE E REALTA'
VADEMECUM ETICHETTATURA
La carne bovina nella gastronomia italiana
Software utility

Per usufruire dei contenuti del sito scarica:

Acrobat Winzip Winrar

Footer menu notizie
Area Riservata
recupera password
Comunicati ed eventi
lun 31 mar, 2014
NON SOLO CARNE. QUALI PRODOTTI SI OTTENGONO DAGLI ALLEVAMENTI
Newsletter dell'Unione Nazionale Consumatori

Quando si parla di allevamenti si tende a considerare esclusivamente la produzione di carne, anche se questa rappresenta solo una parte (in certi casi pure ridotta) di ciò che si ottiene dagli animali. Borse, scarpe, dispositivi medici e valvole cardiache; o ancora saponette, fertilizzanti, caglio naturale e biogas: sono solo alcuni esempi dell’enorme quantità di prodotti e sottoprodotti che si ottengono dalla produzione di carne.
La quantità di carne che si ottiene da un animale da destinare al consumo alimentare umano varia a seconda del tipo di animale. Nel caso dei bovini, ad esempio, è di circa il 33-35%, mentre per i suini la percentuale diminuisce fino al 18%. Ma visto che degli animali non si butta via niente, a parte quei residui considerati a rischio di veicolare agenti infettivi, smaltiti in appositi impianti, nei secoli si sono trovati moltissimi modi per valorizzare ciò che si ricava dagli allevamenti.
La pelle bovina e ovina, giusto per fare un esempio vicino a tutti, è utilizzata per beni durevoli quali pellami e cuoio, che servono a loro volta per produrre scarpe, borsette, cinture o per ricoprire i divani e i sedili delle auto. Il grasso bovino e quello suino, invece, vengono utilizzati nell’industria cosmetica per fare il sapone.
Quantità più piccole, ma di grande importanza vengono utilizzate nel campo della medicina. I bovini ed i suini forniscono il tessuto pericardico impiegato per la preparazione di dispositivi medici quali le valvole cardiache, mentre ossa e cotenne sono molto utili in ambito farmaceutico per l’incapsulazione dei farmaci.
Quantità molto più importanti di ossa e di altri tessuti non appetiti dall'uomo, sono utilizzate anche per produrre farine proteiche, fertilizzanti e cibi per animali da compagnia come cani e gatti. Ma anche i loro giocattoli (i cosiddetti dog-chew), spesso fabbricati, oltre che con le ossa, anche utilizzando le cartilagini dei bovini.
Non tutto il cibo derivante dai co-prodotti di origine animale è però destinato ai nostri amici a quattro zampe: il caglio naturale (l’unico coaugulante permesso per la produzione di formaggi DOP quali, ad esempio, il Grana Padano e il Parmigiano Reggiano) viene prodotto dall’industria casearia grazie all’abomaso degli ovini, l’ultima delle quattro cavità di cui è composto lo stomaco dei ruminanti.
Ma non ci sono solo bovini e suini. Anche i polli forniscono importanti prodotti oltre alla loro carne. Come il grasso, utilizzato per la produzione di mangimi e, in quantità sempre maggiori, per la produzione di biodiesel. Tanto che, nel 2011, dopo avere incentivato una sperimentazione per valutare l’utilizzo di grasso di pollo (e bovino) nella produzione di un biocarburante per il funzionamento degli aerei, la Nasa ha dimostrato che questo permette di ridurre le sostanze inquinanti rispetto ai carburanti tradizionali.
Di esempi ce ne sarebbero molti altri, ma anche questi pochi elencati dimostrano quanto sia importante valorizzare gli animali da allevamento. E, magari, iniziare ad andare oltre la demonizzazione di settori che, al di là delle enormi quantità di lavoro indotto che riescono a generare, forniscono prodotti con cui tutti, in un modo o nell’altro, abbiamo a che fare nella nostra vita quotidiana.

In collaborazione con Assocarni
Fonte: Unione Nazionale Consumatori, 22 gennaio 2014
 

Footer centrale

© Copyright - Tutti i diritti riservati - Privacy | Disclaimer | Assocarni - Piazza di Spagna, 35 - 00187 ROMA - Codice Fiscale: 01353200924
Sito fruibile da utenti non vedenti

Testi, dati ed informazioni pubblicati sul sito Assocarni sono controllati con la massima attenzione. Nessuna responsabilità può essere imputata a Assocarni per i danni che dovessero derivare ai visitatori a causa di eventuali errori ed omissioni. L'Assocarni inoltre declina ogni responsabilità per eventuali danni derivanti dal malfunzionamento del sito per cause tecniche. Il contenuto del presente sito, comprensivo di tutte le informazioni, i dati, i documenti, le banche dati, nonché la parte grafica è da intendersi protetto da copyright se non diversamente indicato. Tutto il materiale presente nel sito non potrà essere adoperato da terzi senza esplicita autorizzazione scritta da richiedere a Assocarni. Le opinioni e le interpretazioni espresse nei documenti elaborati da Assocarni sono il frutto di studi condotti dall'Associazione, aggiornati al momento della loro data, e non esonerano gli utenti dal valutare, alla luce degli elementi che connotano le concrete situazioni e delle possibili difformi interpretazioni ufficiali o pronunce giurisprudenziali, se e come utilizzarle e applicarle. L'Assocarni declina ogni responsabilità rispetto ad un utilizzo improprio del materiale contenuto nel sito. Il sito contiene collegamenti ad altri siti che non sono sotto il controllo di Assocarni. L'Associazione non si assume alcuna responsabilità per il contenuto dei siti collegati, per l'eventuale cessazione o modifica delle attività dei siti, segnalati solo a scopo indicativo, nonché per qualsiasi controversia direttamente o indirettamente collegata ai contenuti dei siti e per i danni che ne possano derivare.
- Inizio della pagina -
Il progetto Assocarni è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it