Assocarni

Comunicati ed eventi

Sfondo inizio fine
venerdì 24 novembre 2017
Testata
Rss
Home » Comunicati ed eventi » lettura Comunicati ed eventi
About us

Cerca

Footer menu notizie
CARNI SOSTENIBILI
CONVEGNO BEEF QUALITY TRA PERCEZIONE E REALTA'
VADEMECUM ETICHETTATURA
La carne bovina nella gastronomia italiana
Software utility

Per usufruire dei contenuti del sito scarica:

Acrobat Winzip Winrar

Footer menu notizie
Area Riservata
recupera password
Comunicati ed eventi
lun 13 lug, 2015
Clessidra Ambientale: la reale rappresentazione dell'impatto degli alimenti in base ai consumi consigliati nella dieta mediterranea
Il calcolo dell'impatto ambientale degli alimenti basato sull'unità/kg non tiene in considerazione le quantità reali giornaliere suggerite dai nutrizionisti

Il consumo equilibrato di tutti gli alimenti è ciò che caratterizza una corretta alimentazione. Che, in quanto tale, ha ricadute positive sia sulla salute che sull’ambiente. Se si seguono i consigli di consumo suggeriti dal modello alimentare della dieta mediterranea, infatti, l’impatto medio settimanale della carne risulta allineato a quello di altri alimenti, per i quali gli impatti unitari sono minori ma le quantità consumate generalmente maggiori.
Questo è il concetto rappresentato dalla Clessidra ambientale, ottenuta dalla moltiplicazione dell’impatto ambientale degli alimenti (per semplicità il Carbon Footprint) per le quantità settimanali suggerite dalle linee guida nutrizionali CRA-NUT. Secondo questa innovativa rappresentazione grafica, mangiare carne in giusta quantità non comporta un aumento significativo dell’impatto ambientale di un individuo.
In effetti, in occasione del World Population Day che si celebra ogni 11 luglio in tutto il mondo, è opportuno ricordare che uno stile di vita sostenibile dovrebbe misurarsi anche con altre scelte, quali ad esempio la mobilità, i consumi di energia, l’abbigliamento, le abitudini per il tempo libero.
Altro aspetto da considerare è che un corretto consumo di carne può essere benefico nelle diverse fasi della vita. Come quella di crescita, durante l’adolescenza, quando i ragazzi e ancor più le ragazze hanno un maggiore fabbisogno proteico e devono evitare il rischio di anemie da carenza di ferro. Quella della gravidanza, uno dei momenti in cui l’aumentato fabbisogno di sostanze nutritive è massimo. O ancora durante l’età pediatrica e la terza età, in cui l’assunzione di proteine non può essere sottovalutata. Sempre accompagnati da abbondanti quantità di frutta e verdura, la carne e i cibi di origine animale permettono di aumentare l’introito di vitamine del gruppo B, C e D e di sali minerali come il calcio, il ferro e lo iodio.
Sempre più evidenze scientifiche quindi contro le superate teorie di chi continua a predicare una riduzione del contenuto di proteine animali nella dieta.
Roma, 11 luglio 2015

Per informazioni: François Tomei – tomei@assocarni.it

Footer centrale

© Copyright - Tutti i diritti riservati - Privacy | Disclaimer | Assocarni - Piazza di Spagna, 35 - 00187 ROMA - Codice Fiscale: 01353200924
Sito fruibile da utenti non vedenti

Testi, dati ed informazioni pubblicati sul sito Assocarni sono controllati con la massima attenzione. Nessuna responsabilità può essere imputata a Assocarni per i danni che dovessero derivare ai visitatori a causa di eventuali errori ed omissioni. L'Assocarni inoltre declina ogni responsabilità per eventuali danni derivanti dal malfunzionamento del sito per cause tecniche. Il contenuto del presente sito, comprensivo di tutte le informazioni, i dati, i documenti, le banche dati, nonché la parte grafica è da intendersi protetto da copyright se non diversamente indicato. Tutto il materiale presente nel sito non potrà essere adoperato da terzi senza esplicita autorizzazione scritta da richiedere a Assocarni. Le opinioni e le interpretazioni espresse nei documenti elaborati da Assocarni sono il frutto di studi condotti dall'Associazione, aggiornati al momento della loro data, e non esonerano gli utenti dal valutare, alla luce degli elementi che connotano le concrete situazioni e delle possibili difformi interpretazioni ufficiali o pronunce giurisprudenziali, se e come utilizzarle e applicarle. L'Assocarni declina ogni responsabilità rispetto ad un utilizzo improprio del materiale contenuto nel sito. Il sito contiene collegamenti ad altri siti che non sono sotto il controllo di Assocarni. L'Associazione non si assume alcuna responsabilità per il contenuto dei siti collegati, per l'eventuale cessazione o modifica delle attività dei siti, segnalati solo a scopo indicativo, nonché per qualsiasi controversia direttamente o indirettamente collegata ai contenuti dei siti e per i danni che ne possano derivare.
- Inizio della pagina -
Il progetto Assocarni è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it